« Torna agli articoli

ESORDIENTI A, LE PRIME GARE IN PISTA


Pubblico l’articolo ricevuto da Emanuela (allentrice gruppo Esordienti A).

Qui i risultati delle gare di Lodi di sabato 5 Aprile

Si è conclusa la seconda gara in pista, svoltasi a Lodi, e già i nostri esordienti A ci hanno dimostrato quanto bravi siano sul campo.

Ogni volta che li vedo gareggiare, per me che li alleno, è un’emozione in più…e mi rendo conto che, seppur piccoli, ci mettono tutta la grinta e l’impegno che possono per ottenere brillanti risultati.

E’ un lavoro sicuramente in crescita , ma se questi sono i successi sia individuali sia di gruppo, sono la gratificazione migliore per un allenatore. Infatti, quando si va in gara, al di là degli esiti molto validi, l’obiettivo maggiore raggiunto, e che da fuori si vede, è l’affiatamento che c’è tra loro.

Gli esordienti A sono sicuramente una categoria di passaggio tra il lavoro di gioco e la specializzazione, ma è su di loro che dobbiamo lavorare alacremente per un futuro buon atleta. E’ accrescendo la loro autostima che implementeremo loro la voglia di continuare, pur talvolta andando incontro a delle sconfitte.

Infatti, in sole due gare, sono emersi tra le varie squadre partecipanti e hanno dimostrato il loro valore. Due gare di triathlon in cui si sono cimentati in velocità, resistenza e concorsi. Nei 50 metri piani si sono confrontati con successo, per la categoria maschile, Gabriele Fedeli, Andrea Marrara, Simone Melas , Paolo Soren, Luca Mussi e Andrea Caiani, mentre per le femmine Silvia Radaelli, Sara Bianchedi e Margherita Calegari. Una gruppo che alla prima gara della giornata, prima di mettersi in  linea di partenza, era tremendamente agitato, seppur pronto a far vedere quel che sapeva fare. Per la prima volta , la loquacità di questi bambini era andata in sordina. Nella seconda giornata sui 50Hs eran tutti più tranquilli e pronti a farsi vedere. Nei 600 metri ho visto corse strabilianti, recuperi portentosi e una squadra nel vero senso del termine. A livello di batteria nelle due giornate abbiamo occupato, con molti, postazioni entro le prime sei. Nel lungo e nel vortex abbiamo ottenuto risultati ben apprezzabili, calcolando che usciamo da un’attività invernale al chiuso. Sara Bianchedi alla sua prima gara nel vortex ha lanciato metri 11.06, Silvia Radaelli, ben determinata a destreggiarsi tra i suoi vari impegni e molto motivata e convinta di sostenere le gare in cui riesce a venire,  ha ottenuto nel vortex la misura di 19,11 m., mentre Margherita Calegari con la forza caratteriale che dimostra in allenamento e in gara sta ben emergendo tanto che ha ottenuto un terzo posto nel vortex con 23, 31 metri e si è piazzata complessivamente terza nel triathlon. Andrea Marrara, alla sua prima gara, si è ben distinto ottenendo 3,12 metri nel lungo. Gabriele Fedeli si è distinto per la sua caparbietà e voglia di far bene, migliorandosi tanto rispetto allo scorso anno. Un bambino che non molla mai di fronte a nessuna sfida, nemmeno si scoraggia mai di partecipare ad ogni gara. Nel lungo ha raggiunto una misura di 3,12 metri e nel vortex 13,78 metri. Simone Melas  sta venendo ora fuori per tenacia in quanto molto abile ma molto spaventato e frenato dall’ansia di gara. Se solo si convincesse a credere di più in se stesso sicuramente ci farebbe vedere tutte le sue reali capacità. Infatti ha saltato 3.02 metri nel lungo e ha lanciato 23,34 m. Paolo Soren, anche lui al suo esordio in atletica, non si è demotivato di fronte alla fatica delle campestri, ascolta sempre ogni suggerimento diligentemente e in gara lo mette ben in pratica tanto che sta notevolmente migliorando e nella prima gara di lungo ha saltato  3,70metri. Molto vicino, infatti al podio, si è classificato sesto nel triathlon.  Michael Biella, un bimbo pronto sempre ad affrontare la gara seppur giochi in lui molto l’ansia, sta ogni giorno di più migliorando e nel vortex ha lanciato 23,97 metri. Simone Riva, nuovo ingresso nel gruppo degli eso A, con costanza si impegna e viene alle gare, non si scoraggia e affronta ogni paura unendosi e facendosi forza col gruppo; nel vortex ha lanciato 14 metri e 62 . Luca Mussi, al secondo anno negli eso A,  sta crescendo molto per tecnica, forza e volontà, affiancandosi al suo compagno di gara Andrea Caiani. Entrambi lavorano con tenacia, spirito di sopportazione, di fronte a qualche dolore dovuto alla crescita, ascoltano ogni suggerimento per migliorarsi e i risultati si vedono. Luca, purtroppo nel vortex ieri, a causa di uno sbilanciamento eccessivo ed improvviso del busto , ha lanciato 23, 22 metri, eppure ha una tecnica di lancio molto buona; nel lungo, un po’ sotto ansia, ha saltato 3,45 metri. Andrea Caiani si è notevolmente distinto ottenendo il terzo posto nel triathlon di Brugherio e il  primo in quello di Lodi. Ha saltato 4,15 metri nel lungo, risultando il secondo in classifica così come nel vortex con un lancio di 36, 54 metri. Un atleta che cresce giorno dopo giorno e che può ancora dare tanto e di sicuro ce lo dimostrerà, proprio come tutti gli altri.

Le gare ci aiutano anche a fare gruppo con i piccoli atleti di pari categoria del gruppo di Vimercate con i quali ci si vede solo in occasione delle gare. Bravi anche loro nel Triathlon di Lodi, dove Grossier Luca si è classificato all’11° posto finale e Crippa Ivan 29°. Presente nella gara precedente anche Perina Roberto.

E allora Eso A facciamoci forza di questi risultati e continuiamo in questi termini per le prossime gare

+Copia link
  • 08 aprile 2014 alle 7:16 am - Edilio Minetti.

    Complimenti a tutti gli Esordienti A che hanno partecipato alle prime gare su pista della stagione. Emanuela sta facendo un ottimo lavoro e gli atleti cominciano a dare le prime soddisfazioni. Mi piace molto questo articolo, dettagliato e incisivo. Avanti così.