« Torna agli articoli

Clusone-Alzano 30km


Sono le 6 di mattina di domenica 12 Ottobre. Danilo, Bruno e Lorenzo passano a prendermi a casa quando è ancora buio; con noi anche Massimo e la moglie Laura. Il cielo plumbeo non fa presagire nulla di buono.
Partecipiamo alla prima edizione della Clusone-Alzano, una distanza di 30km e 300m di dislivello da percorrere lungo la pista ciclabile che costeggia il fiume Serio, allenamento in vista della maratona di Firenze alla fine di novembre.
Ci dirigiamo ad Alzano Lombardo dove parcheggiamo l’auto; tolte le sacche, il baule si trasforma in un ristoro pregara con crostata alla marmellata e caffè caldo.
Un servizio bus navetta ci trasporta fino a Clusone (584m), luogo di partenza della gara.
Il campo sportivo della cittadina, ai piedi delle montagne, ospita i 500 partecipanti alla manifestazione sportiva. Il clima è festoso, la musica dà la giusta carica adrenalinica e il tempo metereologico sembra dalla nostra parte, le nuvole infatti si stanno diradando lasciando trapelare un debole raggio di sole che illumina il nostro entusiasmo.
Ritirati i pettorali, ci cambiamo e ci riscaldiamo corricchiando e saltellando sulle corsie della pista di atletica. Ci posizioniamo lungo il rettilineo e alle 9:30 lo sparo di inizio dà il via alla competizione.
Il percorso è la pista ciclopedonale della Valseriana in parte asfaltata e in parte battuta immersa nella rigogliosa vegetazione che prospera lungo il fiume.
Percorriamo la prima metà del percorso a ritmo spedito, il passo è leggero e le gambe seguono veloci la pendenza leggermente in discesa. Lorenzo vola via al 2′ km, allegro come sempre, proseguo con Bruno mantenendo un ritmo di 4,30 min/km, Danilo e Massimo seguono poco dietro.
Il passaggio al 10’km segna 46′.
Ogni 5km troviamo ristori che offrono acqua.
I ponticelli in legno che attraversano il fiume e i sottopassi, si alternano rendendo il percorso ancora più mosso e regalando così scorci meravigliosi.
Le montagne fanno da cornice ad un quadro dai caldi colori tipicamente autunnali, il lento scorrere del fiume e il profumo della natura ci allontana dalla frenesia cittadina.
Verso il 15’km il tracciato cambia leggermente pendenza diventando un falso piano appena discendente, il ritmo cambia e il passo si stabilizza sui 4,50 min/km mentre il tempo segna 1:10.
Poco prima del 20’km Danilo e Massimo mi raggiungono mentre Bruno allunga il passo. Inizio a sentire la stanchezza che sopraggiunge, mancano 10km alla fine e devo mantenere questo passo il più costante possibile. Massimo, metro dopo metro, allunga la distanza mentre Danilo rimane al mio fianco, silenziosi, io per la stanchezza che avanza e lui, sopraffatto da un dolore al ginocchio. Lungo il percorso la gente che passeggia a piedi o in bicicletta, al nostro passaggio ci incita con un caloroso tifo, anche la famiglia di Massimo, che incontriamo al 21’km, tifa e ci scatta foto.
Gli ultimi 5km sono sofferti, sento la stanchezza nelle gambe che fanno male. Rifletto che non ho ancora recuperato appieno le mie forze dopo il mese estivo di ferma, cerco così di non mollare anche se il ritmo si mantiene sui 5,00 min/km.
Quando mancano 500m alla fine, mi viene incontro Lorenzo che nel frattempo aveva già concluso la gara e mi incita a tirare gli ultimi metri che mi dividono dalla linea del traguardo. Raccolgo allora le ultime forze, mi gioco l’ultima pallottola e allungo così il passo; le gambe fanno malissimo, Danilo allora mi prende per mano e insieme tagliamo il traguardo tra gli applausi del pubblico e gli scatti dei fotografi accreditati.
Trovo i miei runners poco dopo la finish line, ci stringiamo in un caloroso abbraccio che racchiude tante parole che in questo momento faticano ad essere articolate.
Ci rifocilliamo e dissetiamo al ricco ristoro aspettando la stesura e la pubblicazione della classifica generale.

Stento a crederci quando leggo che mi sono qualificata prima di categoria e Danilo terzo. È felicità pura! Attendiamo le premiazioni che chiudono la prima edizione di questa manifestazione ben riuscita. Complimenti agli organizzatori!…

….e complimenti a noi!

Casiraghi Lorenzo 2:18:00 34′ di cat. Pos. 109′
Nasuti Bruno 2:18:12 14′ di cat. Pos. 112′
Beretta Massimo 2:22:48 43′ di cat. Pos. 138′
Ronchi Danilo 2:25:41 3′ di cat. Pos. 170′
Taliento Roberta 2:25:41 1′ di cat. Pos. 171′

+Copia link
  • 19 ottobre 2014 alle 8:00 pm - Marco Ciccone.

    Grazie Roberta del racconto gara, visto che questo spazio è aperto a tutti coloro che vogliono far conoscere le proprie emozioni di corsa.
    Grazie anche dell’idea di questa corsa, che sinceramente mi era scappata … può essere un’ottima indicazione per un lungo dell’anno prossimo.
    Complimneti a tutti e cinque (non solo per le splendide prestazioni di categoria)
    E in bocca al lupo per Firenze !!!