« Torna agli articoli

8° Mezza di Monza 18-09-11

Domenica 18 settembre si è svolta l’ 8° Mezza di Monza, mezza maratona di corsa su strada.
Il percorso perevedeva un giro unico: partenza dal rettilineo del circuito, un giro di pista, uscita alla parabolica per immettersi nel parco,
per poi ritornare in pista ancora attraverso la parabolica, tagliare il traguardo sul rettilineo finale.
Pessime condizioni meteo hanno accolto gli oltre 2500 runner che hanno portato a termine la gara.
Nuvole cariche d’acqua hanno allagato il percorso, costringendo l’organizzazione ad una variante al percorso per proteggere l’incolumità dei partecipanti.
Infatti, un sottoppasso si è allagato, qundi per immettre gli atleti nel parco, l’organizzazione ha deciso di fare un giro diverso, allungando il percorso di quasi 1 km.
L’ACV ha schierato ben 31 atleti al via, risultando uno dei gruppi più nemerosi del Vimercatese.
Numerosi i debuttatanti del nostro team, che sotto il diluvio e un tracciato più lungo, si sono comportati molto bene.
Sicuramente questo esordio in gara non se lo dimenticheranno!!!!!
Da segnalare l’ottima prova di Simone Kiptanui e Paolo Freccia Rossa, rispettivamente 50° e 55° assoluti (su oltre 2500 finisher!!!).
Nella sfida interna all’Athletic, lo ZIO da paga al Centurione, portandosi così sul 2-0.

+Copia link
  • 23 Settembre 2011 alle 5:00 pm - Edilio Minetti.

    Dopo diversi anni, Domenica sono tornato a correre la Mezza di Monza.
    Sono rimasto piuttosto deluso dall’ organizzazione.
    A partire dallo spogliatoio troppo angusto e in spazi troppo ristretti
    per 2800 partecipanti. Non parliamo poi della consegna/riconsegna
    borse, file prima della gara e pazienza ma poi a fine gara una fila
    enorme sotto la pioggia con gli atleti fradici e abbastanza stremati
    dalla gara (che includeva 3-4 sottopassi allagati; ma lì non è colpa
    di nessuno), in attesa di entrare da una porta sola e stretta. Con
    tutto lo spazio che c’è all’ autodromo!
    Poi ritorno allo spogliatoio strazeppo di persone (e pure allagato).
    E per finire, ciliegia sulla torta, consegna del Pacco Gara: peccato
    che nel pacco non c’ era NULLA!!!!
    Mi meraviglia pensare che dei professionisti dell’ organizzazione come
    penso siano i promotori dell’ evento possano incappare in tali
    deficienze.
    Comunque è la solita storia: l’ ingolosimento dei grandi numeri ($)
    porta taluni organizzatori a dimenticarsi degli utilizzatori (gli
    atleti!!).
    Con quella organizzazione al max potevano “invitare” 1000-1500 persone.

    Ma poi questi errori si pagano: la voce circola e il prossimo anno……….