« Torna agli articoli

Maratona di Trieste – 3 Runners del Villasanta migliorano il personale

Carissimi,
                eccoci ancora a raccontare una storia sui nostri marciatori brianzoli; siamo andati a Trieste per la Maratona d’Europa (La Bavisela). In sintesi una grande impresa difficile da ripetere.
 
La pianificazione della Maratona d’Europa risale all’autunno, dopo l’infilata di Mezze (Riva del Garda, Padenghe), abbiamo scelto una maratona in Italia per la primavera e ci siamo fatti venire qualche buona idea per l’autunno…
La preparazione è stata avviata ufficialmente il 21 Gennaio…con il doveroso anticipo; la neve di Febbraio non ci ha fermato. Dopo le fatiche nelle corse tra Omate, Burago, Caponago ed il parco di Monza abbiamo inserito qualche tapasciata per variare l’andatura e le pendenze, e per finire una intera Maratona  – a Milano il 15 Aprile – come lungo di prova per prepararsi all’evento di Trieste.
Fino a Milano siamo andati in 4 con Imelde che ha portato avanti una maratona stringendo i denti – il nostro Augusto sta riprendendo alla grande ed ha già chiuso una bella Mezza in tempo strepitoso considerato che riprende l’attività dopo un prolungato STOP. Abbiamo perso negli ultimi giorni Imelde  – bloccata dal 25 Aprile con una fastidiosa e dolorosissima “ernia al disco”….STOP FORZATO. Ma tanti auguri per una pronta guarigione ed ancora tanti Kilometri insieme.
 
Restiamo in 3 a dover difendere i colori del gruppo a Trieste: Gabriele (Lele), Claudio e Beppe. Non ci scoraggiamo…anzi, dobbiamo fare ancora meglio per mettere a frutto lo sforzo di tutti. 
  
La prendiamo un po’ alla larga, partendo il venerdì’ 4 maggio da Agrate con destinazione Trieste – giornata calda e soleggiata…putroppo le previsioni ci fanno intravedere ancora una corsa con la pioggia (dopo Istanbul e Milano), ma non ci facciamo certo frenare!
 
Un po’ di dati, tanto per essere concreti!
                Km per arrivare a Trieste: circa 430!
                Km di preparazione complessiva: più di 1800!!!
                Km del lungo più lungo in preparazione: 42,2 !!!!!
                Minuti al KM nelle progressioni di allenamento: 4’:45’’!!!
                Allenamenti a settimana: 3 per ciascuno dei partecipanti come minimo!!
                Partecipanti iscritti alla Maratona di Trieste: 859
                Personal best sulla maratona per i partecipanti: 3 su 3!
 
Pre-Gara: 

  • Venerdì Arrivo a Trieste nel tardo pomeriggio ancora caldo con sole e brezza marina. Ne approfittiamo per una ispezione dell’ultima parte del percorso della gara da Monfalcone a Trieste. Facciamo in macchina gli oltre 20 KM che ci porteranno all’arrivo e ci rendiamo subito conto che NON SARA’ FACILE arrivare al 25 KM dove finisce la lunga e continua salita (circa 100mt di dislivello), poi però una lunghissima discesa verso il mare di 11 KM ci porterà al 36 KM passando vicino al castello di Miramare. Poi stradona larga e piatta verso la piazza finale dove si vede già il punto d’arrivo; 
  • Sabato mattina si ritirano i Pettorali:   eccoci con il 128- 129- 130. Sono numeri impegnativi che meritano di essere onorati con una bella performance.
    Nel pacco gara oltre al caffè, birra, pasta e molta carta troviamo anche la maglietta. Sarà difficile confonderci quando ci troverete a correre per le strade di Agrate o al parco di Monza con la maglietta ARANCIONE FLUORESCENTE (gadget della corsa)! Capirete subito che siamo noi e siamo arrivati fino in fondo! 
  • Incontriamo Marco e Raffaella (anche loro portabandiera della nostra Brianza  / Villasanta). Sono venuti per la Mezza in preparazione della MONZA RESEGONE 2012  – sappiamo bene quanto sia dura e faticosa! Si instaura una amicizia che è dettata dalla provenienza dalla stessa terra e dal rispetto che meritano gli eroi delle corse!  Passiamo insieme molte ore della giornata ‘turistica’ per la città (tram di Villa Opicina, acquisti vari, caffè, …) fino alla fine della serata con i fuochi d’artificio sul mare! Poi tutti a nanna, perché domani si corre!!! 
  • La scelta del menù pre-gara merita un commento: ovvio che ci si concentra sui carboidrati (lo dice il nostro Guru Augusto che ci ha raccomandato Pasta entro le 14:30 del sabato e poi a cena!). Dato siamo di fronte ad un evento unico per l’ambiente, la nostra forma, la preparazione, il meteo… abbiamo aggiunto un ingrediente SPECIALE al menù: IMPEPATA DI COZZE!  (ora abbiamo la prova:  le COZZE hanno effetti positivi sulla corsa !!!) 
  • Il meteo per la mattina successiva è dei peggiori…tutti i  siti internet prevedono TEMPORALI CON ACQUA a catinelle! 

Domenica MATTINA:  Sveglia presto presto….per la colazione. Prima di tutto si apre la finestra; NON PIOVE e SI VEDE QUALCHE SPRAZZO DI CHIARO! (forse sto ancora dormendo!) e metto nella borsa l’abbigliamento per il temporale (sacco di nailon, cappellino, giubbetto anti-acqua,…). Siamo pronti a tutto!   Colazione rigorosissima e poi fuori per andare all’autobus, manca solo un buon caffè.   Alle 7:00 si parte verso GRADISCA D’ISONZO (linea di partenza) dove si arriva in  45 minuti…piove ma non molto forte…forse riusciamo a partire senza bagnarci! CLIMA IDEALE con temperatura attorno ai 14- 15 gradi. Abbiamo la solita mezzora per caffè, alleggerimento al WC, preparazione con olio canforato e ultimo spuntino!

Per fortuna che Marco e Lucia ci hanno aiutato a vestirci e ci hanno dato il saluto iniziale sulla Partenza a Gradisca oltre a farci tutte le foto necessarie da fermi e durante la fase iniziale. Grazie. 

    • 8:45 siamo in griglia…pronti e dopo un riscaldamento perché si deve partire forte! NON SIAMO IN MOLTI (circa 900) , Lele ha dichiarato un 3:45! Vogliamo fare il primo kilometro insieme…poi vedremo. 
    • 8:59 cambio di strategia: Claudio e Beppe tolgono il giacchino antipioggia perche NON PIOVE…e si vede UN CHIARORE CHE CI LASCIA CAPIRE CHE SARA’ UNA CORSA ASCIUTTA!  Via rapido cambio di pettorale per metterlo sulla maglietta…. BANG!!!!! Sono le 9:00 e siamo già partiti….ma a BEPPE mancano ancora 2 spille….che fatica (spille in bocca, partiti forte, pettorale da agganciare e giacca da togliere…) – in meno di 500 metri sistemo tutto! Adesso alla fine del giro di GRADISCA si lascia il giubbino a Lucia e Marco (meno male che ci sono!!!!) poi via a pieno ritmo.
    • Siamo al primo kilometro e si viaggia a circa  5’:25’’ al kilometro…che ritmo da pazzi…per ora il fiato e le gambe viaggiano.  Siamo insieme!!  In un attimo Lele prende il largo…deve seguire il suo obiettivo…BUONA FORTUNA.  Beppe e Claudio procedono tra i 5:20 ed i 5:15…una cosa da pazzi per i nostri mezzi, perché la corsa doveva essere su un ritmo simile a 5:40! FORSE SIAMO MATTI ?
    • Beppe e Claudio stanno insieme per oltre metà del percorso: 53 minuti al 10 KM – siamo appena dietro al gruppo con il PACE MAKER  che viaggia per  3h:45’. SIAMOVERAMENTE MATTI? comunque si continua ed il motore funziona bene (per ora). 
    • Il percorso è ANCORA PIATTO e si procede veloci(sempre con il palloncino verde ben visibile a circa 50 mt) eccoci al  20 KM! Passiamo la mezza a 1:53. Qui inizia la parte impegnativa con una lunga serie di salite per circa  5 KM (100 mt di dislivello), proprio come dice la cartina del percorso! Beppe e Claudio rallentano un po’ …Claudio mi aspetta, Lele è scomparso, non lo vediamo più da tempo e starà volando verso il traguardo; al 25 KM Claudio procede ancora bene, Beppe inizia a sentire la STANCHEZZA NELLE GAMBE (o è solo un fatto di testa?) …ma TIENE DURO E VA AVANTI! 
    • Al 26km inizia una lunghissima e  lieve discesa…si prende un po’ il ritmo ma le gambe cominciano a far capire che lo sforzo iniziale era superiore a quanto previsto (Beppe ralllllleeeeenttttaaaa). Claudio procede e si spacca anche questo gruppetto. 
    • Il passaggio al 30KM è eccellente per tutti Gabriele 2h:32’, Claudio 2h:47’, anche per Beppe con poco sopra le 2h:50’.
    • E’  proprio vero …adesso è veramente cominciata la corsa: ciascuno di noi vuole tornare a casa con il primato personale: Lele sotto 3:45; Claudio entro 4:00, Beppe vuole stare nelle 4:15. SIAMO ALLO SCOPERTO! 
    • Adesso il percorso ci porta nei pressi del Castello di Miramare, una vera perla di architettura per l’eleganza e la posizione di questa struttura della metà dell’800. Le forze sono poche ma merita lo sguardo, in fondo si vede già Trieste che ci aspetta…non manca molto. Ancora solo 7 KM!!!  Il tempo scorre rapido, quando guardo il Garmin ancora una volta e scopro che ho RALLENTATO MOLTISSIMO e le gambe (o la testa ?) ormai si ostinano a fermarsi…(mi viene il terrore per un crampo che potrebbe arrivare da un momento all’altro…cammino e riprendo per 5 volte per cercare di arrivare al traguardo senza perdere il mio obiettivo). Ho capito che posso farcela. Un pensiero ad Imelde…a casa sdraiata con l’Ernia che la blocca, ma in diretta con il sito della TDS (sono certo che ci segue e sta pensando a quale pazzia abbiamo fatto con questo ritmo fin dal principio). SI DEVE ANDARE AVANTI anche per lei.
    • Conosciamo il percorso, ormai manca pochissimo. Sono  2 rettilinei ed il tratto finale dopo la stazione, ecco il cartello del 40 KM….resisto ed eccomi anche al 42 Km (sono 2000 metri molto più di 2 KM!). Sguardo fisso a terra per non perdere il passo….vedo il cartello degli ultimi 200 mt. – alzo lo sguardo e vedo Lele, Claudio, Terry e Delia (le nostre supporter eccezionali che ci seguono in tutte le imprese), Marco e Raffaella (anche loro del Villasanta) che mi aspettano. Li sento e vedo il lampo del FLASH per la FOTO SUL RETTILINEO FINALE, ALZO GLI OCCHI e VEDO che il CRONOMETRO mi lascia il tempo di arrivare entro le 4:15…SPRINT FINALE e sono già oltre il tappeto che ferma il tempo…REAL TIME  congelato  a 4:14:54!
    • Eccomi con la medaglia al collo, la più bella che sia stata conquistata con il sudore e la fatica. La dedico ad Imelde (mia Moglie), Chiara e Giulia (le mie ragazze!)  che mi hanno supportato ed incoraggiato tutti i giorni
       
      I numeri che contano alla fine di questa stupenda corsa sono pochissimi per riassumere i 3 personal best:
    • Lele scende molto sotto le 3:45 previste con uno strepitoso  3h:41 minuti  che ripaga le fatiche e l’impegno. BRAVO!!!! 
    • Claudio ha tenuto duro ed ha fermato il cronometro ufficiale in 3h:53 minuti! BRAVO!!
    • Beppe…pur lasciando andare un po’ la parte finale della corsa ha chiuso entro le 4:15. BRAVO! 
        
    • Scusate per la passione e l’accaloramento nonostante tempi ben lontani dai primati dei ‘Campioni’…ma per noi queste sono le ricompense della fatica, la voglia di migliorarsi rubando il tempo alla famiglia ed agli altri impegni ed interessi. Questa ricompensa ci regala la GIOIA di poter festeggiare insieme e pianificare la prossima MARATONA perchè …SIAMO ANCORA TUTTI VIVI !

  • 8:45 siamo in griglia…pronti e dopo un riscaldamento perché si deve partire forte! NON SIAMO IN MOLTI (circa 900) , Lele ha dichiarato un 3:45! Vogliamo fare il primo kilometro insieme…poi vedremo. 
  • 8:59 cambio di strategia: Claudio e Beppe tolgono il giacchino antipioggia perche NON PIOVE…e si vede UN CHIARORE CHE CI LASCIA CAPIRE CHE SARA’ UNA CORSA ASCIUTTA!  Via rapido cambio di pettorale per metterlo sulla maglietta…. BANG!!!!! Sono le 9:00 e siamo già partiti….ma a BEPPE mancano ancora 2 spille….che fatica (spille in bocca, partiti forte, pettorale da agganciare e giacca da togliere…) – in meno di 500 metri sistemo tutto! Adesso alla fine del giro di GRADISCA si lascia il giubbino a Lucia e Marco (meno male che ci sono!!!!) poi via a pieno ritmo.
  • Siamo al primo kilometro e si viaggia a circa  5’:25’’ al kilometro…che ritmo da pazzi…per ora il fiato e le gambe viaggiano.  Siamo insieme!!  In un attimo Lele prende il largo…deve seguire il suo obiettivo…BUONA FORTUNA.  Beppe e Claudio procedono tra i 5:20 ed i 5:15…una cosa da pazzi per i nostri mezzi, perché la corsa doveva essere su un ritmo simile a 5:40! FORSE SIAMO MATTI ?
  • Beppe e Claudio stanno insieme per oltre metà del percorso: 53 minuti al 10 KM – siamo appena dietro al gruppo con il PACE MAKER  che viaggia per  3h:45’. SIAMOVERAMENTE MATTI? comunque si continua ed il motore funziona bene (per ora). 
  • Il percorso è ANCORA PIATTO e si procede veloci(sempre con il palloncino verde ben visibile a circa 50 mt) eccoci al  20 KM! Passiamo la mezza a 1:53. Qui inizia la parte impegnativa con una lunga serie di salite per circa  5 KM (100 mt di dislivello), proprio come dice la cartina del percorso! Beppe e Claudio rallentano un po’ …Claudio mi aspetta, Lele è scomparso, non lo vediamo più da tempo e starà volando verso il traguardo; al 25 KM Claudio procede ancora bene, Beppe inizia a sentire la STANCHEZZA NELLE GAMBE (o è solo un fatto di testa?) …ma TIENE DURO E VA AVANTI! 
  • Al 26km inizia una lunghissima e  lieve discesa…si prende un po’ il ritmo ma le gambe cominciano a far capire che lo sforzo iniziale era superiore a quanto previsto (Beppe ralllllleeeeenttttaaaa). Claudio procede e si spacca anche questo gruppetto. 
  • Il passaggio al 30KM è eccellente per tutti Gabriele 2h:32’, Claudio 2h:47’, anche per Beppe con poco sopra le 2h:50’.
  • E’  proprio vero …adesso è veramente cominciata la corsa: ciascuno di noi vuole tornare a casa con il primato personale: Lele sotto 3:45; Claudio entro 4:00, Beppe vuole stare nelle 4:15. SIAMO ALLO SCOPERTO! 
  • Adesso il percorso ci porta nei pressi del Castello di Miramare, una vera perla di architettura per l’eleganza e la posizione di questa struttura della metà dell’800. Le forze sono poche ma merita lo sguardo, in fondo si vede già Trieste che ci aspetta…non manca molto. Ancora solo 7 KM!!!  Il tempo scorre rapido, quando guardo il Garmin ancora una volta e scopro che ho RALLENTATO MOLTISSIMO e le gambe (o la testa ?) ormai si ostinano a fermarsi…(mi viene il terrore per un crampo che potrebbe arrivare da un momento all’altro…cammino e riprendo per 5 volte per cercare di arrivare al traguardo senza perdere il mio obiettivo). Ho capito che posso farcela. Un pensiero ad Imelde…a casa sdraiata con l’Ernia che la blocca, ma in diretta con il sito della TDS (sono certo che ci segue e sta pensando a quale pazzia abbiamo fatto con questo ritmo fin dal principio). SI DEVE ANDARE AVANTI anche per lei.
  • Conosciamo il percorso, ormai manca pochissimo. Sono  2 rettilinei ed il tratto finale dopo la stazione, ecco il cartello del 40 KM….resisto ed eccomi anche al 42 Km (sono 2000 metri molto più di 2 KM!). Sguardo fisso a terra per non perdere il passo….vedo il cartello degli ultimi 200 mt. – alzo lo sguardo e vedo Lele, Claudio, Terry e Delia (le nostre supporter eccezionali che ci seguono in tutte le imprese), Marco e Raffaella (anche loro del Villasanta) che mi aspettano. Li sento e vedo il lampo del FLASH per la FOTO SUL RETTILINEO FINALE, ALZO GLI OCCHI e VEDO che il CRONOMETRO mi lascia il tempo di arrivare entro le 4:15…SPRINT FINALE e sono già oltre il tappeto che ferma il tempo…REAL TIME  congelato  a 4:14:54!
  • Eccomi con la medaglia al collo, la più bella che sia stata conquistata con il sudore e la fatica. La dedico ad Imelde (mia Moglie), Chiara e Giulia (le mie ragazze!)  che mi hanno supportato ed incoraggiato tutti i giorni
     
    I numeri che contano alla fine di questa stupenda corsa sono pochissimi per riassumere i 3 personal best:
  • Lele scende molto sotto le 3:45 previste con uno strepitoso  3h:41 minuti  che ripaga le fatiche e l’impegno. BRAVO!!!! 
  • Claudio ha tenuto duro ed ha fermato il cronometro ufficiale in 3h:53 minuti! BRAVO!!
  • Beppe…pur lasciando andare un po’ la parte finale della corsa ha chiuso entro le 4:15. BRAVO! 
      
  • Scusate per la passione e l’accaloramento nonostante tempi ben lontani dai primati dei ‘Campioni’…ma per noi queste sono le ricompense della fatica, la voglia di migliorarsi rubando il tempo alla famiglia ed agli altri impegni ed interessi. Questa ricompensa ci regala la GIOIA di poter festeggiare insieme e pianificare la prossima MARATONA perchè …SIAMO ANCORA TUTTI VIVI !

Scusate per la passione e l’accaloramento nonostante tempi ben lontani dai primati dei ‘Campioni’…ma per noi queste sono le ricompense della fatica, la voglia di migliorarsi rubando il tempo alla famiglia ed agli altri impegni ed interessi. Questa ricompensa ci regala la GIOIA di poter festeggiare insieme e pianificare la prossima MARATONA perchè …SIAMO ANCORA TUTTI VIVI !

       
     
      Anche questa volta abbiamo imparato qualcosa: le cozze aiutano ad andare più forte (?  Faremo una seconda prova)
    Anche questa volta abbiamo imparato qualcosa: le cozze aiutano ad andare più forte (?  Faremo una seconda prova)
      Non ci resta che decidere dove andare a migliorare questi record…in Europa!
    Non ci resta che decidere dove andare a migliorare questi record…in Europa!
      Ciao
    Ciao
       
     
                               Beppe – 128
                             Beppe – 128
                                  Claudio – 129 
                                Claudio – 129 
                                   Gabriele – 130

 

+Copia link