« Torna agli articoli

A UDINE FINALMENTE SIMONE FASSINA IN GARA NELL’OCTATHLON ALLIEVI.

Di certo  non era uno degli appuntamenti più attesi della stagione, anzi quella disputatasi nel week-end a Majano in provincia di Udine è stata una normalissima gara di Prove Multiple alla quale per la verità ha partecipato anche un numero limitato di atleti.

Per Simone però la gara aveva una importanza particolare, perché finalmente gli permetteva di disputare una gara di Octathlon dopo aver dovuto rinunciare per tutta la stagione a tutti gli appuntamenti di questa disciplina inclusi i Campionati Italiani disputatisi a Santa Cristina in Val Gardena a inizio giugno (dove ricordiamo Luca Lazzini ha ottenuto un bellissimo 7° Posto).

Un anno difficile quindi per il nostro portacolori dopo il Titolo Italiano del Pentathlon vinto a Jesolo nella categoria Cadetti, con tanto di Record Italiano, lo scorso anno.

La gara come sempre si è disputata su due giornate, nella prima in programma 100m, Salto in Lungo, Lancio del Peso e 400m e nella seconda 110 ostacoli, Salto in Alto, Giavellotto e 1000m.

Nella prima giornata Simone ha fatto vedere cose eccellenti migliorandosi nei 100m con 11”92 (12”25 il suo precedente tempo) nel salto in lungo 6,24m (12 centimetri oltre il suo personale) e nei  400m fermando il cronometro a 53”04 (53”66 il precedente primato), nel peso invece un modesto 10,93 lontano dal suo primato di un metro avanti.

La seconda giornata invece non è andata così bene e nonostante ci fossero in programma le due discipline dove Simone vantavadei primati personali ben superiori  agli altri atleti in gara, cioè Alto e Giavellotto, gli infortuni che hanno condizionato per tutta la stagione le prestazioni di Simone si sono fatti sentire e al nostro atleta non è stato possibile andare oltre 1,79m nel salto in alto (1,96 la miglior misura di Simone) e nell’unico lancio che ha potuto fare nel giavellotto si è fermato a 30m ben lontano dal suo primato di 49m. Risultati che confermano che nell’atletica non si improvvisa nulla.

Bene le altre due gare in programma nella giornata, 15”69 nei 110 ostacoli (esordio stagionale sulla distanza) e 2’59” nei 1000° soli 4 secondi dal personal best (ottenuto però nel Pentathlon e quindi con 3 gare in meno sulle spalle).

Al termine nonostante i problemi già detti è arrivato un secondo posto con il punteggio totale di 4893 punti, che gli vale comunque il minimo di partecipazione a questa gara per i Campionati Italiani del prossimo anno e lascia intravedere ottime potenzialità appena si risolveranno i problemi che ancora condizionano le prestazioni del nostro forte atleta.

+Copia link